Come prendersi cura di un pennello da barba

Pubblicato da: Paolo In: MANUALE SULL'USO DEL RASOIO DI SICUREZZA Sopra: Commento: 0 favorite Colpire: 355

Come prenderesi cura dei pennelli da barba immergendoli in acqua prima dell'uso e lavarli dopo la rasatura...

Come prendersi cura di un pennello da barba

Come qualsiasi strumento soggetto ad usura anche il pennello da barba richiede delle attenzioni costanti per mantenerlo in perfette condizioni, ma come ci si prende cura di un pennello?

Innanzitutto bisogna sapere come preparare il ciuffo prima di ogni rasatura, i peli necessitano di essere idratati prima dell'utilizzo perchè l'acqua aiuta ad ammorbidire le setole e a renderle più flessibili riducendo al minimo i peli spezzati o persi dal nodo. Questa procedura è necessaria soprattutto con i pennelli naturali, i sintetici sono ovviamente più resistenti e flessibili essendo realizzati in materiali plastici. Come già spiegato in un articolo precedente basterà immergere il ciuffo sintetico 1 o 2 minuti in acqua tiepida o anche calda (senza esagerare) per avere un pennello pronto all'uso.

Come comportarsi con i pennelli con setole naturali?

Il metodo è uguale a quello indicato in precedenza: immergere il pennello in acqua tiepida (non calda perchè i peli naturali sono più sensibili di quelli sintetici) per idratarlo, l'unica differenza è la tempistica, non bastano un paio di minuti serve almeno mezz'ora o anche diverse ore a seconda della frequenza di utilizzo e del tipo di setola naturale.

I pennelli da barba con ciuffi in tasso richiedono meno tempo in immersione essendo idrofili e per i peli più morbidi potrebbero bastare anche 30 minuti, anche se io consiglio di abbondare; mentre per le setole di maiale o in crine di cavallo serve qualche ora per raggiungere una morbidezza ideale, in alcuni casi si consiglia anche una notte intera.

La frequenza nell'uso di un pennello può aumentare o diminuire il tempo necessario ad idratare il ciuffo, se utilizzi sempre lo stesso tutti i giorni non asciugherà mai completamente (soprattutto d'inverno) e quindi manterrà un livello minimo di umidità, quando, invece, usi un pennello rimasto chiuso nel mobiletto mesi ti consiglio di lasciarlo una notte a bagno per “riattivare il ciuffo”.

P.S. Nel caso di manici di legno (in genere sono in plastica o resina, in rari casi di metallo) io ti suggerisco di immergere il pennello in un contenitore stretto, con un diametro poco superiore a quello del manico (per esempio un boccale da birra piccolo), in questo modo puoi inserire solo l'acqua necessaria a ricoprire le setole mettendo il pennello capovolto e lasciando il manico asciutto, usando una ciotola larga permetteresti all'umidità di penetrare nel legno e alla lunga si rovinerebbe.

Come e ogni quanto pulire il pennello da barba?

Per pulire il pennello da barba uso del comune shampoo per capelli, meglio ancora se con balsamo incluso; ne metto una piccola quantità nella ciotola e lo monto delicatamente finchè la schiuma non penetra per bene tra i peli e infine risciacquo (i pennelli devono asciugare a testa in giù posizionati su un adeguato supporto per pennelli per una corretta manutenzione).

Ogni quanto vanno lavati i pennelli? Dipende, io li lavo dopo ogni uso perchè l'acqua del mio rubinetto è particolarmente dura e non so mai quando riutilizzerò quel pennello e preferisco evitare che il calcare possa intaccare nel tempo i peli.

Buona rasatura,

Paolo

Clicca qui per vedere tutti i pennelli da barba disponibili da Rasoi Milano

Commenti

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi martedì mercoledì giovedi Venerdì Sabato gennaio febbraio marzo aprile Può giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre